Anna Maria Castelli e Quartiere latino in “La Misa Criolla di Ariel Ramirez e i poeti dell’America latina”


15 maggio, ore 18.00 – Limonaia Villa Strozzi, Firenze

Concerto Natale 2014 - Pergola

 

Quartiere latino nasce dall’amore e dalla passione dei componenti per l’America latina e i suoi grandi interpreti e compositori. il chitarrista argentino Carlos Adriàn Fioramonti, raffinato e versatile musicista proveniente dal Jazz e dal Tango Argentino; il polistrumentista Giulio D’Agnello, docente e studioso di Musica Etnica; Stefano Macrillò, polistrumentista, appassionato da sempre alla cultura ispanoamaricana sia musicale che letteraria; il giovanissimo, talentuoso Vittorio FIoramonti, contrabbassista eclettico e disposto ad esplorare tutti i territori musicali, non ultimo quello latinoamericano dove affondano le sue origini.
Dall’incontro con la cantattrice Anna Maria Castelli nasce una proficua e duratura collaborazione che ha portato alla nascita del progetto Poeti dell’America latina, uno straordinario viaggio che percorre l’intero continente dalla Nueva Trova Cubana, con i suoi esponenti più rappresentativi, Silvio Rodriguez e Pablo Milanès, dal Joropo suonato con il cuatro venezolano al tiple colombiano e al charango degli altipiani andini, dalle stupende canzoni di Violeta Parra, che il pubblico italiano conobbe e apprezzò grazie agli Inti-Illimani, alla zamba argentina, alle musiche di Ariel Ramirez, alle interpretazioni di Mercedes Sosa.
Inevitabile l’incontro con la bellissima Misa criolla di Ariel Ramirez.
Sul palco per questo suggestivo viaggio, insieme ai Quartiere latino e Anna Maria Castelli il Firenze Vocal Ensemble, diretto dal M° Ennio Clari

Per chi non conoscesse la Misa criolla, è un’opera musicale per solista, coro e gruppo che utilizza gli strumenti musicali tradizionali propri del continente latinoamericano tra i quali quelli dei nativi. Di ispirazione religiosa e folcloristica, fu composta ed incisa nel 1964.
Ramirez musicò la traduzione ufficiale in lingua spagnola, approvata dalla Commissione Liturgica per l’America Latina, del testo delle preghiere che compongono la messa, traduzione nata nell’ottica della nuova riforma liturgica costituita dal Concilio Vaticano II.
L’opera è costituita da una fusione tra il genere classico e popolare e ci consegna uno stile unico. Essa integra in sé la perfetta coniugazione, nel reciproco rispetto di due mondi.
L’opera è stata interpretata da artisti di tutto il mondo tra i quali José Carreras e Mercedes Sosa (Grammy latino)

Ingresso: € 10,00 – Info e prenotazioni
347 3621127 oppure ospitalacultura@gmail.com

Annunci

19 marzo, ore 18.00 – Napulìa, Ricordando Napoli


SABATO 19 MARZO, ORE 18.00
ACCADEMIA EUROPEA DELLA VOCE – Firenze, Via dei Fossi 17
cropped-prev6.jpg
Anna Maria Castelli e Carlos Adriàn Fioramonti presentano un viaggio nella canzone d’autore napoletana
Napoli, una città. Napoli, un popolo. Napoli, una lingua, un colore, un sapore, a volte acro, a volte amaro, a volte dolce. Molto, troppo spesso questo vero e proprio patrimonio viene ridotto ad un mero “pizza, spaghetti e mandolino” vanificando la fatica che “o paese d’ ‘o sole” quotidianamente esercita per riscattarsi agli occhi del mondo. Con questo viaggio Anna Maria Castelli non ha voluto fare niente di nuovo né di radicalmente diverso rispetto a chi l’ha preceduta; ha voluto semplicemente raccontare la sua versione dei fatti, che si propone di ricercare una via più autentica e meno “turistico-commerciale”, accompagnando lo spettatore non soltanto nell’ascolto dei brani della tradizione classica come I’te vurria vasà, Uocchie c’arraggiunate, Voce e’ notte o la bellissima ballata del ‘600 O’guarracino, ma anche di brani suggestivi come quelli resi celebri dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare o le composizioni originali di Carlo Faiello, passando da alcune “chicche” di Roberto Murolo, Teresa de Sio e Pino Daniele… senza dimenticare naturalmente i “grandi” Antonio De Curtis, in arte Totò e Edoardo De Filippo. Un viaggio, un racconto, una storia secolare che ha ancora in sé la forza della poetica e della musica di un’unica lingua: quella napoletana.
Ha scelto come commentatore e compagno musicale Carlos Adriàn Fioramonti, argentino di nascita e italiano d’adozione. L’ha scelto per il suo amore per le radici, per il folklore, per la sua straordinaria sensibilità umana ed artistica.
E, forse, con Napulìa ha deciso anche di chiudere un cerchio, una fase della sua vita iniziata ormai tanti anni fa quando suo padre emigrò allontanandola da quella che considera ancora l’unica terra a cui appartiene.
Per info e prenotazioni: ospitalacultura@gmail.com oppure telefonando al 347 3621127
Ingresso: € 10,00 con brindisi finale

21 FEBBRAIO GABER… DOPO GABER – IL TEATRO CANZONE DI ANNA MARIA CASTELLI CON L’ORIGINALE “SE IO HO PERSO… CHI HA VINTO?”


DOMENICA 21 FEBBRAIO, ORE 17.30

SPAZIO MUSICA DELLA CASA DEL POPOLO “25 APRILE”

VIA BRONZINO 117, FIRENZE

GABER … DOPO GABER

Manifesto 21:2

Per la prima volta a Firenze lo spettacolo originale di Teatro canzone a firma Abner Rossi e Mario Berlinguer

“SE IO HO PERSO… CHI HA VINTO?”

Sulle orme di Giorgio Gaber, ideatore insieme a Sandro Luporini dello straordinario genere Teatro-canzone, Anna Maria Castelli offre uno sguardo al femminile sulle relazioni di coppia, umane e sulla società attuale, fra monologhi e canzoni, senza trascurare emozioni ed ironia.

Anna Maria Castelli, invitata come artista del teatro canzone alla prima edizione del Festival Giorgio Gaber da Dalia Gaberchic, ha rappresentato lo spettacolo in molti teatri italiani fra i quali, per ben dieci giorni consecutivi, il Teatro dei Comici, a Roma

Prenotazione obbligatoria telefonando al 347 3621127  o scrivendo a ospitalacultura@gmail.com

Anna Maria Castelli in “Sous le ciel de Paris – Omaggio a Edith Piaf” per Ospita la cultura©


Anna Maria Castelli e Thomas Sinigaglia - Vancouver 2009

Anna Maria Castelli e Thomas Sinigaglia – Vancouver 2009

 

 

 

Amici carissimi,

ecco il prossimo appuntamento di “Ospita la cultura©”

 

domenica 31 gennaio, ore 17.00

un gradito ritorno… a casa di Laura a Firenze, in Via Ximenes, 71 (ricordate? quella che fu la casa di Margherita Hack)

Sous le ciel de Paris – Omaggio a Edith Piaf

Anna Maria Castelli – voce

Thomas Sinigaglia – fisarmonica

Per informazioni e prenotazioni

ospitalacultura@gmail.com – Tel. 347 3621127

 

Il recital dedicato a Edith Piaf, crea un percorso  fra i brani più interessanti e popolari della grande icona della canzone francese.

Un vero e proprio miracolo di modernità reso possibile sia dalle straordinarie qualità vocali ed interpretative di Anna Maria Castelli sia dai suggestivi, raffinati arrangiamenti composti appositamente per lei dal M° Palazzani, che trasportano l’ascoltatore nelle tipiche atmosfere francesi della prima metà del ‘900. Ad accompagnarla lo straordinario fisarmonicista Thomas Sinigaglia, suo abituale compagno di viaggio nei numerosi e versatili progetti dell’artista.

In Italia, nella versione originale composta per solisti e orchestra d’archi, è stato portato in scena con I Virtuosi Italiani, sia nella loro formazione cameristica che in quintetto e in tour, nel 2011 e 2012, in varie regioni della Siberia con la State Philarmonic Chamber Orchestra of Novosibirsk e l’ensemble diretto dal M° Alexander Shendrik.

A proposito di Fiorella Mannoia…


image

e della polemica che imperversa su web sull’ipotetico boicottaggio “politico” circa la motivazione che avrebbe portato alla sua esclusione dal concertone del 31 al Circo Massimo vorrei dire la mia. E’ stato lanciato su twitter un hashtag “iostoconFiorella e vivendo in un Paese democratico non posso dire niente ma per quanto mi riguarda io sto con chi sta perdendo il lavoro, con i cassaintegrati, con chi sta sperando di trovarlo, con il numero troppo alto di donne scomparse per mano dei propri compagni, con chi perde la propria salute, con i bambini che hanno perso la vita senza aver avuto il tempo di aver conosciuto un’altra vita possibile, con le migliaia e migliaia di persone che non trovano accoglienza alle proprie istanze e così via. Personalmente mi piace pensare che la cosa sia ben più semplice e probabilmente legata a questioni più terrene come un probabile mancato accordo economico. Ma anche se così non fosse….a buon intenditor…

Bon anniversaire, Edith!


Oggi ricorre il centesimo anniversario della tua nascita. Ho scelto questo brano, Cri du coeur, Grido del cuore che, credo, riassuma in una sola canzone il tuo modo di essere e di interpretare tutte le sfumature della vita
Il mio omaggio a te…auguri!

Il grido del cuore

Non è soltanto la mia voce che canta
è l’altra voce, una folla di voci
voci di oggi o di altre volte
voci divertenti, solari,disperate,spezzate
voci sorridenti e impazzite
pazze di dolore e di gioia.
E’ la voce di un nuovo dispiacere
la voce dell’amore morto o vivo,
la voce di un povero fuggitivo
la voce di un annegato che fa plouf.
E’ la voce di un bimbo che si schiaffeggia
E’ la voce di un uccello pauroso
la voce di un passero morto dal freddo
sul selciato della strada della gioia.
E sempre. sempre,quando canto
questo uccello canta con me.
Sempre, sempre, ancora in vita
la sua povera voce trema per me.
Se dicessi tutto quello che canta,
tutto quello che ho visto e tutto quello che so,
ne direi tante, e non sarebbero mai abbastanza.
E tutto questo io lo voglio dimenticare.
Altre voci cantano un vecchio ritornello
E’ il loro ricordo, non è più il mio.
Io non ho che un solo grido del cuore:
“Non amo il dispiacere, non amo il dispiacere”
e il dispiacere ritorna
lo conosco , non mi fa più  paura
dice che siamo sposati insieme e
anche se è vero, io non gli credo.
Senza pietà, cancello le mie lacrime
non faccio loro pubblicità
Se si tirasse il segnale d’allarme
per dispiaceri particolari,
mai i treni potrebbero viaggiare
e guardo il paesaggio
se per caso è troppo brutto,
aspetto che si rifaccia bello.
E i doganieri della disperazione
possono sventrare i miei bagagli
perquisirmi e farmi domande
io non ho mai nulla da dichiarare.
L’amore, come me, parte per un viaggio.
Un giorno lo rincontrerò.
Appena avrò visto il suo viso,
immediatamente lo riconoscerò.

Nuovi appuntamenti “Ospita la cultura©” a Firenze


Lituania natale

Ecco il calendario dei prossimi incontri che, viste le festività, si “accavallano” un po’ ma…l’importante è stare insieme 🙂

18 dicembre – ore 18.00

Limonaia di Villa Strozzi, Firenze

“Quest’anno lo chiameremo Noël”

Gli auguri del Quartiere4 con un occhio particolare agli eventi che hanno caratterizzato il 2015

Introduzione Abner Rossi

Anna Maria Castelli, voce

Adriàn Fioramonti, chitarra

Vittorio Fioramonti, contrabbasso

Ingresso libero

19 dicembre – ore 18.00

…a casa di Laura

(Via Ximenes, zona Poggio Imperiale)

In quella che fu la casa di Margherita Hack una serata di tango con Anna Maria Castelli e Adriàn Fioramonti sperando che le struggenti note di questi due interpreti la raggiungano fra le stelle!

Tango quindi con qualche piccolo cameo natalizio e, come sempre, il brindisi finale con stuzzichini

Posti disponibili: 20

20 dicembre – ore 17.00

…a casa di Delphine

(Via del Casone, zona Piazza Tasso)

Inserita nel bellissimo complesso monastico in Piazza San Francesco di Paola, vicino Porta Romana, Suoni d’Irlanda tornerà in scena con l’arpa celtica di Stefano Corsi e la voce di Anna Maria Castelli

L’immancabile brindisi finale e sgranocchini

Posti disponibili: 20

E per portare via tutte le feste….

6 gennaio 2016 – ore 17.00

…a casa di Mariastella

(Via dei Fossi)

Stavolta un ospite decisamente “intrigante”: l’Accademia Europea della Voce

Ancora una volta, a grande richiesta, l’intenso Suoni d’Irlanda per salutare con le sue melodie e suggestioni l’arrivo del nuovo anno

Brindisi e gnam-gnam

Posti disponibili: 30

Per informazioni e prenotazioni

ospitalacultura@gmail.com

Mob. 347 3621127

 

3 dicembre 2015 Auditorium al Duomo con Luis Bacalov in La meravigliosa avventura del tango


Non sempre riesco a stare al passo con gli impegni e, in questo caso, posso soltanto raccontare di una straordinaria serata con un pubblico forte e generoso. Un concerto magnifico in una location straordinaria, a due passi dal Duomo della mia città adottiva, Firenze. Grazie al nostro gentilissimo ospite, Prof. Paolo Del Bianco e del suo Life Beyond Tourism – Fondazione Romualdo del Bianco. Qualche scatto della bravissima Lisa Ciardi

DSC_6450_1Castelli Aad Castelli Aad1 Castelli Aad2 Castelli Aad3 Castelli Aad4 Castelli Aad5

Anna Maria Castelli e i suoi prossimi concerti…


Com'è profondo il mare Lucio Dalla in jazz Quartet

 

Auditorium Di Vittorio Camera del Lavoro di Milano

Atelier Musicale 2015 – 2016 – 21 novembre, ore 17,30

Dalla in jazz – Com’è profondo il mare

Anna Maria Castelli, voce – Simone Guiducci, chitarra – Fausto Beccalossi, fisarmonica – Achille Succi, clarinetto e sax

Presentare su un palco il mito di Lucio Dalla senza banalizzare l’istrione, senza mortificare il poeta, senza umiliare la straordinaria caratura musicale e, soprattutto, senza ferire lo spirito ingenuo di quest’uomo e artista, è una sfida che richiede audacia, preparazione e senza dubbio un pizzico di saggia pazzia.

Per raccogliere questa sfida Anna Maria Castelli riunisce sapientemente intorno alla sua figura di interprete musicisti di primo piano della scena jazzistica nazionale ed internazionale come il chitarrista Simone Guiducci, il clarinettista Achille Succi ed il fisarmonicista Fausto Beccalossi.

Moltiplicando i rimandi musicali, che vanno dal jazz alla canzone d’autore (quegli stessi che hanno fatto del suo CD dedicato ai cantautori della “scuola genovese” una delle più interessanti produzioni discografiche e che le è valsa l’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana conferitale dal Presidente Giorgio Napolitano per meriti artistici), tra frammenti poetici e teatrali e abbandoni alla grande melodia italiana di cui Dalla rimane uno dei maggiori interpreti e caposcuola al fianco di Domenico Modugno e Gino Paoli,  costruisce ancora una volta un caleidoscopio di  musiche colte e popolari che Lucio, con il suo spirito avventuroso, avrebbe sicuramente apprezzato.

 

bacast-bra

Teatro Piermarini – Matelica (Macerata)

Stagione 2015 – 2016 – 28 novembre, ore 21.00

La meravigliosa avventura del tango

Luis Bacalov, pianoforte – Anna Maria Castelli, voce

Il progetto “La meravigliosa avventura del tango” vede protagonisti il pianista, compositore e Direttore d’Orchestra argentino Luis E. Bacalov, già premio oscar per la colonna sonora del film con Massimo Troisi, Il Postino e Anna Maria Castelli, voce stabile della produzioni tango di Bacalov ma anche protagonista, al fianco di Giorgio Albertazzi, dello spettacolo teatrale “Borges in tango”.

Una breve ma intensa “storia del tango” tracciata attraverso un repertorio straordinario dedicato a grandi autori come Gardel, Villoldo, Discepolo, Piazzolla,  una elegante e raffinata rivisitazione di questi due grandi artisti che, con la loro sensibilità e cifra stilistica, sono riusciti a mantenere intatte e, al tempo stesso, rinnovare, le composizioni che hanno accompagnato intere generazioni di oltre Oceano.

 

bacast-bra

Auditorium al Duomo – Firenze

Ospita la cultura©

3 dicembre, ore 21.00

La meravigliosa avventura del tango

Luis Bacalov, pianoforte – Anna Maria Castelli, voce

Il progetto “La meravigliosa avventura del tango” vede protagonisti il pianista, compositore e Direttore d’Orchestra argentino Luis E. Bacalov, già premio oscar per la colonna sonora del film con Massimo Troisi, Il Postino e Anna Maria Castelli, voce stabile della produzioni tango di Bacalov ma anche protagonista, al fianco di Giorgio Albertazzi, dello spettacolo teatrale “Borges in tango”.

Una breve ma intensa “storia del tango” tracciata attraverso un repertorio straordinario dedicato a grandi autori come Gardel, Villoldo, Discepolo, Piazzolla,  una elegante e raffinata rivisitazione di questi due grandi artisti che, con la loro sensibilità e cifra stilistica, sono riusciti a mantenere intatte e, al tempo stesso, rinnovare, le composizioni che hanno accompagnato intere generazioni di oltre Oceano.

Suoni d'Irlanda duo

Ospita la cultura©

A casa di…Delphine 🙂 a Firenze

20 dicembre, ore 17.00

Suoni d’Irlanda

Anna Maria Castelli, voce – Stefano Corsi, arpa celtica

Quando i Celti per la prima volta misero piede in Irlanda Dana, dea madre d’Irlanda, li accolse cantando l’alfabeto segreto degli alberi e la sua rivelazione d’amore sciolse le corde dell’arpa del bardo Amergin. Suonando insieme all’arco che sfiora le corde, la voce e l’arpa hanno tramandato nel tempo i segreti degli abbellimenti della musica irlandese, i canti che raccontano, fra storia e leggenda, il fascino di una terra che fu abitata dai druidi, dai poeti, dai bardi. E quando, in tempi in cui il possesso di strumenti musicali divenne proibito, fu ancora con la voce che si poté continuare a raccontare della vita, della morte, dell’amore e accompagnare il piede che si muove nella frenesia della danza.

Anna Maria Castelli e Stefano Corsi presentano un percorso intessuto di arie, canzoni e ritmi che evocano le atmosfere struggenti e i ritmi coinvolgenti di quelle storie e di quelle leggende.

OSPITA LA CULTURA© il nuovo format culturale di Anna Maria Castelli & Abner Rossi


Foto Abner-Anna Maria Gaeta

Nasce a Firenze (e provincia) OSPITA LA CULTURA©, la nuova creatura nata dall’indomabile fantasia della Cantattrice Anna Maria Castelli e dal poeta e scrittore Abner Rossi.

Il format nasce dalla volontà di tornare ad attribuire alla parola “condivisione”, che oramai si associa istantaneamente a Facebook-Twitter-Instagram-Social network e così via, il giusto significato: cum dividere, dividere con.

In un momento storico in cui la circolazione della cultura diventa sempre più appannaggio di pochi  e la scarsa qualità dell’offerta è ormai in mano al cinismo dell’intermediazione artistica che compra e vende spettacoli come fossero ravanelli o cavolfiori ad alti costi e spesso coltivati fuori da qualsiasi rapporto con il pubblico, abbiamo deciso di rispondere con una proposta creativa: Ospita la cultura©, appunto.

Di cosa si tratta? Chiunque abbia un salotto che contenga un numero minimo di 15 persone può, con noi, essere agente di questa novità ed organizzare per i propri amici incontri artistici di alto livello, gli stessi che vengono rappresentati nei teatri e nei festival.

Perché agente? Semplicemente perché, magari, qualcuno di voi non ha un salotto abbastanza capiente ma conosce un amico che ha uno spazio che si potrebbe rivelare adatto o identifica un luogo nella sua città che può rivelarsi utile alla diffusione, speriamo virale, del format e dei suoi eventi e contenuti.

Il nostro intento non è soltanto di offrire cultura ma anche e soprattutto “fare rete” …fuori dalla rete! Un network parallelo a quello virtuale ormai sterile dove le persone non si limitino ad un semplice click ma si incontrino, condividano, apprezzino, critichino, dibattano. Un autentico, reale e sincero momento di scambio e di condivisione.

Le modalità di partecipazione sono semplici e davvero poco impegnative. Chi di voi vuole aderire a questa, credeteci, importante ed utile iniziativa, non deve fare altro che contattarci per verificare insieme la possibile realizzazione dell’evento.

Come pagheremo gli artisti? Con una quota individuale che decideremo volta per volta a seconda dell’evento proposto, del luogo e del numero dei partecipanti che ci permetta di offrire un cachet agli artisti. Un “cappello” in mano a fine serata!

Organizzate un primo evento…sarà una splendida occasione per partecipare e capire “sul campo” cosa intendiamo.

Sarete dei nostri? Speriamo proprio di si!

Un caro saluto a tutti voi e…avanti tutta!

Anna Maria Castelli & Abner Rossi