Meraviglioso – Anna Maria Castelli canta Domenico Modugno


Nel 1998 la mia prima produzione discografica dedicata a Mimmo, Singing Modugno. Tanti anni di concerti in Italia e nel mondo e la preziosa partecipazione al Montreux Jazz Festival. A distanza di 20 anni, in un clima decisamente più maturo, con uno dei miei vecchi compagni di viaggio, il batterista Stefano Rapicavoli che all’epoca aveva affiancato Stefano De Bonis negli arrangiamenti, abbiamo deciso di ripercorrere alcuni dei brani più significativi di uno dei padri della canzone italiana, dando spazio anche a brani meno noti, non ultimo “Cosa sono le nuvole”, scritto da Pier Paolo Pasolini e musicato da Domenico Modugno per il corto “Capriccio all’italiana”. Al mio fianco i miei due compagni di viaggio che da anni condividono con me ogni nuova avventura musicale, il chitarrista argentino Adriàn Fioramonti ed il talentuoso fisarmonicista Thomas Sinigaglia.

Insieme abbiamo dato vita a questo CD per me straordinariamente rappresentativo di ciò che volevo intendere e comunicare e di questo devo ringraziare Modugno, i suoi testi poetici talvolta sottovalutati a favore delle sue magnifiche interpretazioni melodiche e agli arrangiamenti di questi musicisti che hanno vestito elegantemente questa mia nuova creatura.

Ecco “Meraviglioso”, brano d’apertura del CD registrato allo studio Jambona Lab che ringrazio sentitamente per aver sensibilmente colto l’essenzialità della nostra strumentazione sottolineandone i colori. Grazie anche alla Azzurra Music, partner disponibile ed attento

Annunci

Bocca di rosa


Uno dei brani del mio CD “C’est toujours la même chanson” – dedicato ai cantautori della scuola genovese.

E’ stato anche grazie a questo disco che il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, mi ha insignita dell’Onorificenza di Cavaliere dell’ “Ordine al merito” della Repubblica italiana per meriti artistici, per aver utilizzato le canzoni di questi straordinari cantautori per promuovere e diffondere la lingua italiana nel mondo attraverso la canzone d’autore.

Non posso quindi che ringraziare tutti i musicisti che hanno contribuito a questo successo artistico ed umano.