Anna Maria Castelli, Quartiere latino e Firenze Vocal Ensemble – 27 settembre Misa criolla


 

manifesto-misa-criolla-empoli

 

MARTEDI 27 SETTEMBRE ORE 21.00

 

Si terrà nella suggestiva cornice della Chiesa di S.Stefano ad Empoli  il concerto dedicato ai grandi poeti dell’America latina e la Misa criolla di Ariel Ramirez. I miei compagni di viaggio saranno, ancora una volta, i Quartiere latino (Adriàn Fioramonti, chitarra, Giulio D’Agnello cajon e charango, Stefano Macrillò tiple colombiano, cuatro e quena e Vittorio Fioramonti al contrabbasso) e il Firenze Vocal Ensemble magistralmente diretti dal M° Ennio Clari.

Ecco il programma

manifesto-misa-criolla-empoli-2a

Da non perdere!

Annunci

Anna Maria Castelli in concerto: “Poeti dell’America latina”


p.a.m. trio ABNER

Ritorna “Pomeridiana”presso la Chiesa di S.Bartolomeo a Monte Oliveto, a Firenze

Alle ore 17,30 di domenica 3 novembre il p.a.m. trio, composto da Anna Maria Castelli alla voce, Giulio D’Agnello al charango, cajon e strumenti a fiato e Adriàn Carlos Fioramonti alla chitarra, presenteranno in concerto “Poeti dell’America latina”.

La modalità è sempre la stessa: una rapida visita guidata alla bellissima chiesa di S.Bartolomeo, momento musicale e, a seguire, un brindisi.

Non è previsto nessun biglietto d’ingresso ma solo una libera offerta alla chiesa che, come immaginate, richiede molte cure.

Per poter approntare anche qualche “sfiziosità” è gradita una gentile conferma.

Ecco la presentazione:

Questo progetto nasce dall’intenzione di ricordare un altro tragico 11 settembre, quello del 1973 quando un golpe militare

sanguinoso e crudele pose fine al mandato e alla vita di Salvador Allende, il Presidente democraticamente eletto dal popolo

cileno.

Un dramma che compie quarant’anni, del quale non si può né si deve perdere la memoria.

Poeti dell’America latina  percorre l’intero continente dalla Nueva Trova Cubana, con i suoi esponenti più rappresentativi,

Silvio Rodriguez e Pablo Milanès, dal Joropo suonato con il cuatro venezolano al tiple colombiano e al charango degli altipiani

andini.

Testi recitati di Pablo Neruda, Gabrièla Mistral,  Alfonsina Storni, José Marti uniti ai brani indimenticabili di Violeta Parra e Victor

Jara passando attraverso la nueva canciòn chilena ma non solo: un viaggio straordinario all’interno della Canzone d’Autore Ispano-

Americana, le sue scuole più prestigiose, i suoi autori ed interpreti più significativi.

Tre gli appassionati interpreti di questo meraviglioso universo sonoro: la Cantattrice Anna Maria Castelli, figura di primissimo

piano nell’ambito della Canzone d’Autore e del Teatro Canzone, il chitarrista Carlos Adriàn Fioramonti, raffinato e versatile

musicista proveniente dal Jazz e dal Tango Argentino ed il polistrumentista Giulio D’Agnello, docente e studioso di Musica etnica.

Come raggiungerci: passata Piazza Pier Vettori e imboccando Viale Aleardo Aleardi, dopo pochi metri sulla destra troverete una strada, via di MonteOliveto (solitamente c’è il cinema estivo Chiardiluna ma l’insegna attualmente è coperta). Prendetela e cominciate a salirla fino a quando non vi troverete sulla destra l’indicazione “strada senza uscita” e “Monastero Monte Oliveto”. Girate a destra e arrivate fino al muro in pietra con il cartello giallo indicante “Chiesa di S. Bartolomeo”. Girate e arrivate fino al cancello. Lì sarete arrivati!

Sul navigatore inserite: via di Monte Oliveto 72/a

Tenete comunque a portata di mano il numero 347 3621127  per eventuali difficoltà o ulteriori indicazioni

I miei ultimi concerti e….


Ok, complice il caldo e un cambiamento di vita non indifferente, ho “tralasciato” i miei appuntamenti più recenti.  Riassumo qui quelli di luglio per poi passare ai prossimi 😉

– 15 Luglio – Limonaia di Villa Strozzi, Firenze

Ha debuttato il P.A.M. trio, composto da me, Adriàn Fioramonti alla chitarra e Giulio D’Agnello agli strumenti a corda (tiple colombiano, cuatro venezolano, flauti vari e cajon) con il suo omaggio al quarantennale del golpe cileno: Poeti dell’America latina. Un viaggio attraverso i testi più rappresentativi di Violeta Parra, Victor Jara, Silvio Rodriguez, magicamente interpretati nel corso degli anni dalle voci di Isabel e Angel Parra, Mercedes Sosa. Non abbiamo però voluto trascurare altre voci, quelle dei grandi poeti che hanno fatto dell’esilio un viaggio introspettivo considerevole: Gabriela Mistral, Alfonsina Storni, solo per citarne alcuni.

Immagine

– 20 Luglio – Castello di Torrechiara (Parma)

Ancora una volta al fianco del mio mentore e, ormai dopo dieci anni di costruttiva collaborazione, grande e stimato amico, Luis Bacalov nella nostra “La meravigliosa avventura del tango”. Una serata magica, fra le mura del cortile del Castello di Torrechiara, baciati da una luna fantastica

 

Immagine

 

 

– 26 luglio – Cortile del Conservatorio Dell’Abaco di Verona

“Sous le ciel de Paris”, un bellissimo esperimento quello “imbastito” dai docenti e allievi (violino, viola, violoncello e contrabbasso) del Conservatorio ai quali si sono aggiunti una fisarmonica e una chitarra per regalare ai numerosissimi intervenuti momenti di autentica emozione. Una prima parte per sola voce e fisarmonica dedicata a Brel, Becaud, Prévèrt, Trenet e un secondo tempo con alcune  fra le più belle canzoni di Edith Piaf reinterpretate in modo unico grazie agli arrangiamenti elaborati dal M° Alessandro Palazzani per questo organico.

Immagine

– 1 agosto – Corte delle Sculture della Biblioteca Lazzerini di Prato

Anche qui un incontro unico e nuovo. Le donne della Camerata Strumentale di Prato, anche qui con l’integrazione dei preziosi Thomas Sinigaglia alla fisarmonica e Simone Guiducci alla chitarra, mi hanno accompagnata in questo viaggio attraverso 15 canzoni della grande icona della canzone popolare francese: Edith Piaf.

Così, Sous le ciel de Paris, ancora una volta ha costretto il pubblico intervenuto ad una standing ovation dedicata a tutti gli artisti in scena, a tutti coloro che per una sera hanno dato tutta l’anima per rendere omaggio ad una grande artista ma, soprattutto, per dare a questo repertorio tutta l’eleganza e la sensibilità interpretativa che, grazie a grandi “penne” come Glanzberg, Monnot e…la stessa Piaf, queste canzoni meritano. Non una copia, non un clone, semplicemente un’ “altra” Piaf.

 

Immagine